Putin cosa accadrà dopo

L'abbiamo chiamata una mossa da giocatore di poker quella di Putin perché c’è da capire se effettivamente sta bleffando oppure no, chi dei due attori in campo Europa(Occidente) e Russia che sta bleffando?, chi farà per primo la mossa sbagliata?, la Russia riuscirà a far meno dell'oltre mezzo miliardo al giorno che incassa dall'Europa? La Russia ogni giorno dall'Europa incassa quasi 800 milioni al giorno, oltre mezzo miliardo, noi riusciremo eventualmente a fare a meno del gas russo? se sì per quanto tempo?

Cerchiamo di capire quali saranno le mosse dei prossimi giorni? cosa di fatto può accadere sui contratti, sui mancati pagamenti?. Negli scorsi giorni si è detto che i russi troveranno nuovi clienti, stanno aumentando le forniture verso i vecchi clienti è l'Europa sta cercando nuovi fornitori, ma per arrivare ad un punto di equilibrio ci vuole tempo. Rispetto a queste due azioni però vediamo già i primi effetti, il sole 24 ore oggi in un articolo intitola, “All'India il petrolio russo scontato”.

Di fatto gli accordi tra questo paese e la Russia stanno aumentando, aumenteranno gli accordi anche con la Cina, aumenteranno gli accordi con altri paesi. Quindi noi che siamo l'Europa, i vecchi clienti, saremo sostituiti dai nuovi.

Anche l'Europa e anche l'Italia si stanno muovendo, sempre un articolo del sole 24 ore: “L'Italia che per ora guarda al mare: Snam ipoteca una prima nave
Il gas americano liquefatto per sostituire almeno in parte i 28 miliardi di metri cubi russi”

Per sostituire almeno in parte perché anche per fare sto lavoro ci vuole tempo ma tempo non ce n'è anzi è già scaduto il 31 marzo del 2022. Con la decisione di Putin Gazprombank accetterà solo pagamenti in Rubli per fornire gas all'Europa.

Le posizioni non cambiano, ognuno degli attori si gioca la sua partita tutti i paesi del g7 sono compatti dalla Germania la Francia all'Italia, un pagamento in Rubli non è accettabile, dichiara e aggiungono, Putin ha le spalle al muro vuole dividerci ma non ci è riuscito. Dalla parte della Russia invece dicono, gli Stati Europei non hanno alternativa, l'ammontare massimo di gas dagli usa sarà di 15 miliardi di metri cubi, un decimo delle forniture russe e quindi voi europei come farete? Appunto come facciamo, considerate che i contratti al momento per la fornitura del gas vengono pagati in euro, al momento la posizione dell'Europa è quella di attesa. Cosa stiamo aspettando, beh di fatto che si concretizzi l'inadempimento o la risoluzione contrattuale, dipende da quale punto di vista guardate questa situazione a fine mese il pagamento presso la Gazprombank cosa può fare questa banca? Rifiuterà il pagamento rimandando indietro gli euri perché deve ricevere rubli?

Sembra che già si sia trovato un escamotage per accettare il pagamento in Euro.

Finora i pagamenti avvenivano in euro su un conto di Gazprombank in Lussemburgo. L'escamotage trovato permette ai Paesi acquirenti di continuare a pagare in euro: Gazprombank convertirà poi automaticamente gli euro in rubli trasferendoli sul conto aperto dai Paesi europei. Quando Gazprom avrà ricevuto i pagamenti, provvederà ad erogare le forniture di gas. Entro dieci giorni la Banca centrale russa dovrà definire le regole per i conti speciali in valuta destinati ai Paesi acquirenti di gas.

Quindi cosa può succedere dopo si continuerà con questa modalità? Se si dovesse andare alla rinegoziazione ma a quali condizioni?

Se l’Europa non accetta di pagare in Rubli anche se si va a rinegoziare i contratti e quindi le condizioni saranno diverse, magari la Russia accetterà i pagamenti in Euro ma aumenterà il prezzo delle forniture e a pagare saranno sempre la povera gente con stipendi da fame e aumenti di pochi euro spacciati come risultati eccellenti di una classe politica inefficiente, mentre l’orsignori politici si permettono di aumentarsi gli stipendi di 2.500 euro.

Un altro dato fondamentale è che oggi conosciamo quanto può resistere ogni nazione europea, dato che non conoscevamo qualche mese fa. Secondo gli esperti abbiamo una autonomia che va dalle 6 alle 8 settimane al massimo, le temperature fortunatamente saranno più miti ma poi diventeranno più roventi quindi accenderemo i condizionatori. Credo siamo di fronte a delle prove di forza che colpiscono la gente e non i “regnanti” speriamo che questi signori trovino un accordo il prima possibile ma in gioco ci sono tantissimi aspetti di cui la guerra, i morti e la distruzione sono solo la facciata che colpisce di più la gente.

Se Putin sta bluffando è una domanda da cento milioni di euro, sembra molto improbabile che Putin molli la presa data la posta in gioco. La considerazione nasce dai fatti che stanno accadendo a partire della sedia della governatrice della banca centrale russa che è saltata proprio per questa questione. Non credo che Putin abbia accettato le dimissioni della governatrice per poi non andare avanti con questa questione.

Putin cosa accadrà dopo

Secondo la minaccia del default della Russia, per ora con il trucchetto della conversione automatica degli Euro in Rubli ha scongiurato il default paventato, ma in futuro cosa accadrà? La prossima e più importante ancora è il 4 di aprile e quindi di fatto Putin dovfare una ulteriore mossa e ritirarsi in questo momento non la vedo come un'opzione sul tavolo.

A noi serve il gas, a loro servono i nostri soldi, qual è l'obiettivo suicidarsi? beh di sicuro una cosa è certa a pagare di tutta sta storia saremmo noi Europei e i cittadini Russi.

Ricordo a tutti voi che qui è questione di vita o di morte di migliaia non solo delle persone sotto i bombardamenti ma anche di aziende, immaginate alle aziende di logistica, di trasporti che hanno margini ridottissimi dato dall'aumento delle materie prime e l'elenco sarebbe molto lungo. Vedremo quelle che saranno le conseguenze delle decisioni di questi poteri centrali, i poteri che manipolano tutto dall'alto Russi o Americani che siano, le vittime le conosciamo già.

Putin cosa accadrà dopo