The Event Horizon

"Il punto di non ritorno"

booknautica

Categorie di progettazione delle imbarcazioni da diporto

Sun, 2018-07-22 11:10 -- TheEventHorizon

a direttiva europea 94/25, recepita dal nostro legislatore, suddivide le imbarcazioni da diporto in 4 categorie di progettazione:

  • A (ALTO MARE) progettate per la navigazione in alto mare, in cui la forza del vento può essere superiore ad 8 e l’altezza delle onde superiore a 4 m.
  • B (AL LARGO)progettate per crociere d’altura in cui la forza del vento può essere pari ad 8 e l’altezza delle onde può raggiungere i 4 metri
  • C (IN PROSSIMITA’ DELLA COSTA) progettate per crociere in acque costiere, grandi baie, estuari, fiumi e laghi in cui la forza del vento può essere pari a 6 e l’altezza delle onde può raggiungere i 2 metri
  • D (IN ACQUE PROTETTE) progettate per crociere su piccoli laghi, fiumi e canali, in cui la forza del vento può essere pari a 4 e l’altezza delle onde può raggiungere i 0,50 m.

NOTA: Avrete certamente notato che a nelle categorie delle certificazioni

 

Navigazione stimata, scarroccio e deriva

Wed, 2015-01-14 22:27 -- TheEventHorizon

La navigazione stimata altro non è, come dice il termine stesso, il modo in cui stimare la posizione della nave durante la navigazione, essa si basa sulla conoscenza di alcuni elementi del moto quali velocità, spazio e tempo.

  • spazio = cammino, espresso in miglia, percorso lungo la rotta;
  • velocità = velocità effettiva di spostamento della nave espressa in nodi;
  • tempo = tempo in minuti e misurato dall’orologio di bordo.

I problemi da risolvere per la navigazione stimata sono:

• tracciare la rotta tra i punti di partenza e di arrivo determinando i tempi in base alla velocità;

• guidare la nave su tale percorso;

 

Definizioni

Sun, 2015-10-11 13:25 -- TheEventHorizon

Le imbarcazioni da diporto sono classificate in base alla loro lunghezza fuori tutto e si distinguono in:

Natanti: si intende ogni unità da diporto con scafo di lunghezza pari o inferiore a dieci metri, sono considerati tali anche barche a remi di qualsiasi lungezza. Non è prevista nessuna registrazione e non hanno obbligo di patente se il motore non supera i 30Kw(40.8hp).

 

Barche antiche e la Bussola

Sat, 2014-11-29 14:39 -- TheEventHorizon

Esistevano “barche e bussole”?

Si,

Durante il XV e il XVI secolo I navigatori europei compirono grandi viaggi di esplorazione

grazie ai quali fu possibile avere un'idea più precisa della geografia terrestre e di conseguenza

comprendere l'esistenza di territori fino ad allora sconosciuti.

In questo periodo I primi viaggi di esplorazione ebbero lo scopo di arrivare nell' Oriente

senza toccare terra,per poi commerciare.

Tutti questi viaggi fecero aumentare le loro conoscenze matematiche, e lo sviluppo

tecnologico delle navi.

 

La bussola magnetica

Thu, 2014-11-06 21:32 -- Lossodromico

Bussola MagneticaLa bussola è uno degli strumenti principali utilizzato per l'orientamento e il rilevamento usato dal navigante.

La più diffusa e conosciuta è la bussola magnetica ma esistono anche bussole giroscopiche che per funzionare hanno bisogno dell'elettricità, essendo complesse da costruire si trova solamente su navi di grandi dimensioni

La bussola magnetica per funzionare utilizza il campo magnetico terrestre ed è soggetta ai campi magnetici prodotti dalla strumentazione di bordo e dai materiali ferrosi presenti a bordo(si pensi ad imbarcazioni fatte in ferro).

Questa sensibilità ai campi magnetici prodotti a bordo comporta la necessità di correggere le deviazioni prodotte da tali campi magnetici, per questo motivo una volta installata a bordo bisogna compensarla affinché indichi la giusta direzione.

 

Rilevamento magnetico e bussola

Tue, 2014-10-14 21:09 -- Lossodromico

Così come avviene per la prora anche il rilevamento può essere magnetico Rlm o bussola Rlb a seconda che l’angolo sia misurato, in senso orario, tra il Nord magnetico o il Nord bussola e la linea di rilevamento. Naturalmente che prima di tracciare un rilevamento sulla carta è necessario apportare le dovute correzioni d e δ.

 

Correzione del rilevamento magnetico e bussola

Nella condotta della navigazione in vicinanza di costa capita spesso di misurare, con le bussole di bordo, i rilevamenti di punti cospicui allo scopo di fare il punto nave rilevato.

È pertanto indispensabile correggere i rilevamenti letti sulla bussola con i corrispondenti rilevamenti veri, che sono gli unici tracciabili sulla carta nautica.

Le bussole da rilevamento possono essere portatili (bussole a torcia e similari) o fisse: di conseguenza saranno diversi i rilevamenti.

I rilevamenti magnetici Rlm con le bussole portatili non risentono della deviazione se presi a bordo di scafi in legno o vetroresina.

 
 

Variazione Magnetica

Fri, 2014-08-22 00:28 -- Lossodromico

Dalla definizione i evince che la Variazione magnetica (Vm) comprende sia la declinazione magnetica che la deviazione magnetica, ognuna presa col proprio segno questo significa che declinazione e la deviazione potrebbero anche compensarsi a vicenda, in questo caso (non raro) si avrebbe che il Nv coincide col il Nb, in questo caso i valori letti sulla carta coincidono con i valori letti sulla bussola.

La formula della variazione magnetica è :

Vm = d + δ

Conversione correzione di prora e rilevamenti

Prora Bussola

 
 

Declinazione magnetica

Mon, 2014-06-16 20:11 -- Lossodromico

Declinazione magnetica: si indica con la lettera d, è l'angolo formato fra la direzione del Nord vero (Nv) e il Nord Magnetico (Nm).

Dalla definizione data si evince la declinazione magnetica cambia in base alla zona in cui ci troviamo, per esempio questa, in luogo, potrebbe puntare più a destra del Nord Vero in un altro luogo puntare a sinistra, in un altro luogo ancora coincidere col Nord Vero, quindi:

  • d ha segno positivo se il Nm è a Est (dritta) del Nv.

  • d ha segno negativo se il Nm e a Ovest (sinistra) del Nv.

  • d ha valore variabile in base alla zona in cui ci troviamo e varia da 0° a 180°

 

Magnetismo

Mon, 2014-06-02 14:46 -- Lossodromico

Il magnetismo e quel fenomeno fisico che permette ad alcuni materiali di attrarre il ferro, e trasmettere questa capacità ad altri.

Esistono dei materiali che possiedono intrinsecamente questa capacità, i magneti, e altri che l'acquisiscono, alcuni materiali che vengono magnetizzati non mantengono questo stato a lungo “morbidi” altri invece lo mantengono ed è difficile smagnetizzarli “duri”.

 

Pages

Powered by Drupal
Subscribe to RSS - booknautica